Devi aggiornare la versione del Player Flash e controllare che javascript sia attivato nel tuo browser.

Regione Lazio - Comunità giovanili

Assessorato Diritto allo Studio e Politiche per i Giovani

Obiettivi:

Introdurre forme di sostegno e/o supporto e favorire gli obiettivi perseguiti dalle Comunità giovanili ritenute strumenti di crescita culturale e sociale della popolazione giovanile, con un ruolo di promozione ed integrazione sociale perseguito attraverso:

  • l’organizzazione della vita associativa come esperienza comunitaria al fine di favorire la maturazione e la consapevolezza della personalità nel rispetto degli altri
  • l’educazione all’impegno sociale, civile, alla partecipazione e alle conoscenze culturali
  • lo svolgimento di attività sportive, ricreative, sociali, didattiche, ambientali, culturali, turistiche, agricole, artigianali, artistiche e di formazione professionale.

Destinatari: giovani tra i 14 ed i 35 anni di età.

Durata del progetto: max. 1 anno

Scadenza: le ore 14 del 30 giugno 2012

Comunità giovanili - Allegato “B1”

Soggetti proponenti:

  • Enti pubblici singoli o associati
  • Enti, associazioni, consorzi di associazioni ed organismi privati comunque denominati nei cui statuti siano previste le finalità di promozione e sostegno delle comunità giovanili
  • Autogestioni, ossia le stesse comunità giovanili il cui funzionamento è attuato attraverso un regolamento da proporre all’atto della presentazione della domanda.

Benefici concedibili:

a) finanziamenti:

  • di iniziative concernenti direttamente i1 perseguimento degli obiettivi suddetti
  • di interventi di recupero riadattamento e sistemazione di edifici e strutture pubbliche e private, da destinarsi a sede di comunità giovanili o comunque al perseguimento degli obiettivi suddetti

b) concessione dell’uso a titolo gratuito di immobili di proprietà regionale vincolato all’auto recupero, da destinarsi a sede di comunità giovanili o al perseguimento degli obiettivi suddetti

I benefici non possono essere cumulati con altri benefici ricevuti, ad analogo titolo, da parte della Regione.

Per i benefici di cui alla lettera a) sono individuati i seguenti parametri massimi riferiti all’entità economica dei progetti presentati all’Amministrazione regionale secondo i limiti di seguito riportati:

− euro 40.000,00 per le iniziative di cui al punto 1.

− euro 60.000,00 per gli interventi di cui al punto 2.

Comunità giovanili - Allegato “B2”

Soggetti proponenti: Comunità giovanili, ossia persone aggregate stabilmente che non abbiano fini di lucro, aperte a tutti gli studenti delle scuole medie superiori, gli studenti universitari e ai giovani fino ai trentacinque anni di età senza alcuna discriminazione politica, culturale, religiosa, etica e sociale, che operano con continuità e che hanno stabilito un consolidato legame con il territorio di riferimento, che dispongono già di una sede operativa e che svolgono quotidiana attività di aggregazione sociale.

Le comunità giovanili possono essere promosse da:

a) enti pubblici, singoli o associati

b) enti, associazioni, consorzi di associazioni ed organismi privati

c) autogestioni, ossia le stesse comunità giovanili il cui funzionamento è attuato attraverso un regolamento da proporre all’atto della presentazione della domanda.

Finanziamento: La concessione dei contributi avviene nel limite della quota complessiva che la Giunta Regionale determina nell’ambito dello stanziamento annuale di bilancio che, comunque, non può superare il 40% dello stanziamento stesso.

Il contributo non potrà essere inferiore ad euro 12.000,00 e superiore ad euro 24.000,00

Per maggiori informazioni

Sabrina Tomassi
Segreteria Tecnica- Area Welfare

e-mail stomassi@innopolis.it

tel 06.57284620