EduCare: l’Avviso Pubblico a sostegno delle attività educative e ricreative per bambini e ragazzi

Si chiama“EduCare” l’Avviso pubblico del Dipartimento per le Politiche della Famiglia – Presidenza del Consiglio dei Ministri pubblicato negli scorsi giorni con l’obiettivo di “incentivare la ripresa delle attività educative, ludiche e ricreative dei bambini e dei ragazzi, fortemente penalizzate dall’emergenza sanitaria da COVID-19 durante le prime fasi”.

L’avviso mira a “promuovere l’attuazione di interventi progettuali, anche sperimentali e innovativi, di educazione non formale e informale e di attività ludiche per l’empowerment dell’infanzia e dell’adolescenza. I progetti ammessi a finanziamento dovranno avere una durata di 6 mesi”, si legge sul sito del Dipartimento.

RISORSE A DISPOSIZIONE

Il finanziamento complessivo è pari ad euro 35.000.000,00 (trentacinque milioni/00), a valere sulle risorse del Fondo per le politiche della famiglia stanziate per l’esercizio finanziario 2020.  La richiesta di finanziamento per ciascuna iniziativa progettuale deve essere compresa entro il limite massimo di euro 150.000. Non possono essere considerati ai fini della ammissibilità al finanziamento progetti il cui valore sia inferiore a euro 35.000.

SOGGETTI PROPONENTI

A presentare domanda potranno essere i seguenti soggetti: 

  1. enti locali, in forma singola o associata;
  2. scuole pubbliche e parificate di ogni ordine e grado;
  3. servizi educativi per l’infanzia e scuole dell’infanzia statali e paritarie;
  4. organizzazioni senza scopo di lucro nella forma di Enti del terzo settore ed enti ecclesiastici e religiosi.

Il Dipartimento incentiva la presentazione di proposte progettuali da parte di ATI/ATS “al fine di favorire la creazione di reti tra tutti i potenziali beneficiari a livello territoriale, le proposte progettuali potranno essere presentate da un partenariato”.

SCADENZA E MODALITA’ PRESENTAZIONE DOMANDE

Le proposte progettuali potranno essere trasmesse a decorrere dalla data di pubblicazione dell’Avviso fino al 31 dicembre 2020, fatta salva la facoltà dell’Amministrazione di prorogare tale termine in relazione anche all’eventuale disponibilità delle risorse.

Le domande vanno presentate via PEC all’indirizzo: ufficio.politichefamiglia@pec.governo.it, unitamente alla documentazione richiesta dal Bando e devono essere trasmesse esclusivamente, pena l’inammissibilità,  da un indirizzo di posta elettronica certificata intestato al soggetto proponente o al capofila responsabile.

Il link dell’AVVISO PUBBLICO

 SCARICA LA SCHEDA DI SINTESI 

 

By |2020-06-12T11:15:45+00:00giugno 12th, 2020|News, Progetti|0 Comments